Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




L'importanza che viene attribuita ad Hegel è dovuta alla sua sistematicità, ovvero all'organizzazione di un sistema filosofico. Prima di cominciare la trattazione del sistema hegeliano, bisogna chiarire le tesi di fondo del suo pensiero: 
1. il finito si risolve nell'Infinito: il finito è reale e, poichè il reale non è altro che l'espressione dell'Infinito, ne risulterà che il finito esiste solo in funzione del tutto (Infinito) di cui è parte 
2.tutto ciò che è reale è razionale, tutto ciò che è razionale è reale: poichè ciò da cui tutto deriva è l'Assoluto, ed esso si concretizza in modo razionale, ne deriva che la ragione non è qualcosa di astratto, ma qualcosa di concreto, l'espressione dell'Assoluto. Pertanto, essere e dover essere coincidono, in quanto ciò che vediamo nel reale risulta anche quello che razionalmente dovrebbe essere. 
3. la funzione giustificatrice della filosofia: la filosofia è il sapere superiore a tutti gli altri. La sua unica funzione è di giustificare la realtà poichè il processo di costituzione della realtà è già avvenuto e non può modificarsi. La filosofia non può pretendere di cambiare il mondo nè può mostrare i limiti della realtà. 

L'Assoluto, secondo Hegel, si concretizza in modo dialettico, ovvero attraverso fasi. Le fasi del procedimento dialettico sono: 
1. tesi:momento astratto; si estrae l'oggetto dal suo contesto e si studia "in sè e per sè" 
2.antitesi: momento concreto; si studia l'oggetto nel suo contesto reale 
3.sintesi: si conciliano tesi e antitesi, conservando la concretezza dell'antitesi e l'universalità della tesi. 
Pertanto l'Assoluto si concretizza attraverso: 
1. l'idea pura, ovvero l'astratto, l'idea in sè e per sè;(TESI) 
2.la natura, ovvero il concreto, l'alienazione dell'idea che si realizza nello spazio e nel tempo;(ANTITESI) 
3.lo spirito, l'idea che dopo essersi alienata torna in sè.(SINTESI) 

A questi tre momenti corrispondono le tre sezioni in cui si divide il sapere filosofico: 
1. la logica; 
2.la filosofia della natura; 
3.la filosofia dello spirito. 
Queste ultime si dividono a loro volta: 
1.Logica: 
-essere: ciò che è privo di qualsiasi connotazione 
-essenza:ciò che fa di un oggetto ciò che è. Es l'essenza dell'animale è l'istinto 
-concetto:esso è contemporaneamene soggettivo (ovvero FORMALE), oggettivo (poichè si manifesta nella natura) ed è anche idea, (ragione autocosciente) 
2.filosofia della natura: 
-meccanica: studia le leggi che regolano la materia. 
-fisica: studia la natura. 
-fisica organica:studia le leggi che regolano la natura. 
3. filosofia dello spirito: 
-spirito soggettivo: studia la razionalità dell'uomo attraverso l'antropologia (che studia l'uomo in quanto organismo vivente), la fenomenologia (che studia l'uomo in quanto ragione) e la psicologia (che studia l'uomo in quanto essere autodeterminante) 
-spirito oggettivo:studia la società e le istituzioni; alla base dello spirito oggettivo vi sono il diritto, la moralità e l'eticità. L'eticità è concretizzata dalle tre istituzioni fondamentali: la famiglia, la società e lo stato. 
-spirito assoluto:studia la ragione concreta attraverso l'arte, la religione e la filosofia. Esse hanno in comune lo stesso oggetto(l'Assoluto) ma hanno diversi approcci. L'arte infatti ha un approccio basato sui sensi (coglie l'Assoluto attraverso manifestazioni visive); la religione ha un approccio affettivo (si stabilisce un rapporto tra il credente e il Dio-Assoluto); la filosofia ha un approccio razionale, in quanto pensa attraverso i concetti. Pertanto, Hegel dimostra che la filosofia è la materia migliore secondo cui studiare l'Assoluto perchè ne condivide la razionalità.