Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




A prima vista, la relazione inversa tra tassi di interesse e prezzi delle obbligazioni sembra un pò illogica, ma dopo un esame più attento, ha un senso.
Un modo semplice per capire perché i prezzi delle obbligazioni si muovono al contrario rispetto ai tassi di interesse è quello di considerare le obbligazioni a cedola zero (zero coupon), che non pagano cedole ma derivano il loro valore dalla differenza tra il prezzo di acquisto e il valore nominale pagato alla scadenza.
Per esempio, se un titolo zero coupon è scambiato a 950 euro e ha un valore nominale di 1.000 euro (pagato alla scadenza di un anno), il tasso di rendimento al momento attuale è di circa 5,26% ((1.000-950) / 950 = 5,26%).
Per una persona a pagare 950 € per questa obbligazione, lo dovrebbe rendere felice perché avrà un rendimento del 5,26%. Ma la sua soddisfazione per questo ritorno dipende da cosa sta succedendo nel mercato obbligazionario.
Gli investitori in titoli obbligazionari, come tutti gli investitori, in genere cercano di ottenere il miglior rendimento possibile. Se la corrente dei tassi di interesse dovessero aumentare, con ad esempio un’emissione di un prestito obbligazionario che rende il 10%, allora l’obbligazione a tasso zero che rende il 5,26% non è più molto attraente, e quindi non sarebbe domandata da tutti gli investitori. Chi vuole un rendimento del 5,26% quando si può avere il 10%?
Per attrarre la domanda, il prezzo del’obbligazione zero coupon preesistente dovrebbe ridurre a sufficienza il suo prezzo per soddisfare la stessa esigenza di rendimento dato da quella con interessi più alti.
In questo caso, il prezzo del titolo scenderebbe da € 950 (che dà un rendimento del 5,26%) a € 909 (che dà un rendimento del 10%).

 


Ora che abbiamo un’idea di come si muove il prezzo di un’obbligazione in relazione alle modifiche dei tassi d’interesse, è facile capire il motivo della determinazione del prezzo di un’obbligazione all’aumento continuo dei tassi d’interessi.
Se i tassi scendono al 3%, la nostra obbigazione a tasso zero – con il suo rendimento di 5,26% – diventerebbe improvvisamente attraente.
Molta gente la vorrebbero acquistare, e questo spinge il sio prezzo fino al rendimento dell’obbligazione che offre il tasso d’interesse prevalente del 3%.

In questo caso, il prezzo del bond dovrebbe aumentare fino a circa € 970.
Dato questo aumento di prezzo, si può capire perché i detentori delle obbligazioni (gli investitori che vendono i loro obbligazioni) beneficiano di una riduzione dei tassi di interesse prevalenti.

 

 

Sito Obbligazionario