Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




 

Le premessa che sta alla base del commercio di tutti i tempi è che le transazioni si devono portare a conclusione seguendo le regole, altrimenti è meglio non iniziare neanche.

Soprattutto nel mondo di oggi, all'indomani della crisi finanziaria, le transazioni eseguite in maniera non corretta non solo sono un rischio per il vostro portafoglio e una perdita di tempo e di energia con nessun risultato, ma si rischia anche di trovarsi esposti a cause e procedimenti legali di dimensioni spropositate. Dovete quindi fare trading secondo le regole.

Se un intermediario, che sia un broker o un altro tipo di agente, vuole avere anche solo una remota possibilità di trovare, negoziare e chiudere una transazione di compravendita, di guadagnarci sopra una commissione e di avere una effettiva probabilità di essere pagato, allora questa persona DEVE usare lo stesso tipo di procedure che vengono utilizzate dalle banche e dalle corporazioni commerciali, basate sulle leggi e sui regolamenti del commercio internazionale, e pienamente adatte per l'utilizzo da parte degli intermediari. Queste procedure sono quelle che sono state usate senza clamore da tutti gli intermediari che hanno avuto successo e che sono state applicate rigidamente alla maggior parte delle loro condizioni.

Questo perché queste procedure sono quasi sempre presentate nella sola maniera veramente utile nelle transazioni fra compratori e venditori finali. Quelle poche società di commercio all'esportazione, case di commercio all'ingrosso, e intermediari di successo che hanno elaborato da soli il corretto uso di queste procedure - provando e sbagliando - quasi sempre non lo dicono.

Al giorno d'oggi anche con le procedure giuste si corre il rischio di essere raggirati e truffati, e questo è l'argomento di cui si occupa il libro di K.J. Southall "Frodi commerciali, frodi finanziarie e l'intermediario inaffidabile".