Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




 

Reagire.

 

Siete arrivati fin qui. Bene. Se siete i soliti lettori o lettrici che si indignano da anni per un sacco di cose e che poi rischiano la pelle… dell’indice destro nella gloriosa lotta sulle barricate della scrivania del computer fra Facebook e i blogs, vi saluto qui. Non leggete oltre. Ciao.

 

Per te, e per quell’altro, cioè quei due o tre rimasti in Italia che ci mettono ancora il corpo nella battaglia della vita reale, fra la gente, nei luoghi del potere, e che ci mettono la perseveranza e la sofferenza necessaria a fare quella cosa che si chiamava lotta per cambiare la Storia, concludo questo saggio dicendovi che l’ho scritto per voi in realtà. E vi lascio con una metafora. Potrà sembrarvi strana al termine di pagine zeppe di politica ed economia, ma la ritengo di eccezionale efficacia.

 

L’ho tratta da una scena filmata nella savana del Sud Africa che ha affascinato oltre 62 milioni di spettatori su Youtube (64). In quella scena una mandria di immensi bufali se ne va a spasso lungo la riva di un fiume, mentre a loro insaputa quattro leonesse si stanno acquattando poco distante per un attacco. Pochi minuti dopo ciò avviene, la mandria è presa dal panico e fugge sparsa e caotica. E’ incredibile vedere centinaia di bufali che pesano come camion e che sono un unico fascio di muscoli e corna micidiali fuggire di fronte a quattro felini pelle e ossa. Le leonesse riescono ad azzannare un vitello e lo trascinano con violenza selvaggia sulla sponda

del fiume, in parte ruzzolando in acqua. La scena diviene ancor più angosciante quando un coccodrillo si spara fuori dal fiume e a sua volta azzanna il posteriore del vitellino. Ne segue un tiro alla fune fra il rettile e le belve che ghiaccia il sangue, anche solo a immaginare il dolore che quella povera bestia sta soffrendo prima di morire dilaniata. Ma perché quei colossi di animali non tornano indietro a salvare il loro piccolo? Cristo, ne basterebbero pochi in quella mandria per fare a pezzi chi lo sta divorando. Non si rendono conto della loro forza?

 

Ma proprio quando si sarebbe tentati di smettere di guardare il resto della scena, la telecamera zooma indietro e le sopraccitate domande trovano risposta. Dapprima tentennati, poi più decisi, infine con potenza selvaggia i bufali maschi montano una carica per salvare il vitello straziato. La scena è esaltante: la mandria forma un muro nero di furia crescente che circonda le quattro leonesse, i cui corpi sono ora rattrappiti dalla paura. Una di loro viene sparata in aria da una cornata come fosse un micio di pochi etti, le altre sono messe in fuga nell’arco di pochi secondi. Il coccodrillo si dilegua in acqua. Incredibilmente la vittima è ancora viva e riesce a barcollare fra gli adulti che si chiudono in cerchio a sua protezione.

 

Credo che non vi sia bisogno di spiegare questa metafora. Rimane una domanda: se lo sanno fare i bufali, perché noi non più?

 

Certo, si è detto che ci hanno resi apatici… i mass media, la Cultura della Visibilità, Lippmann… è vero. Ma c’è di più, e voi pochi sopravvissuti del vero agire dovete sapere di cosa si tratta.

 

Utile per iniziare è una recente dichiarazione del reporter investigativo americano Matt Taibbi, che commentando la frode dei mutui subprime americani ha detto: “L’unica ragione per cui la gente non è furiosa per sta storia è che in realtà essi non capiscono cos’è successo. Se al posto di finanza si fosse trattato di costruttori di auto che avevano venduto ai cittadini degli Stati Uniti trilioni di dollari di auto difettose, ci sarebbero sommosse per le strade oggi” (65). Bene, non sprechiamo tempo e diciamo subito che una delle principali ragioni per cui i

cittadini, e specialmente quelli di sinistra, non hanno mai trovato la forza necessaria a contrastare il piano Neoclassico, Neomercantile e Neoliberista è anche perché non lo

capiscono. Considerano questo crimine – e le gesta delle elite finanziarie e grandi industriali – come una serie di scorribande opportunistiche da parte di Globocrati miliardari che si fiondano come avvoltoi a spolpare le nostre società ogniqualvolta gli è possibile. Sbagliato. In certi casi alcuni attivisti o intellettuali ammettono l’esistenza di un complotto globale per sfruttare le masse, ciò che spesso chiamano “Il Sistema”. Fuochino, ma ancora non hanno fatto centro.

 

Quello che non vedono è che in realtà stiamo tutti affrontando qualcosa che appartiene a una categoria del tutto straordinaria: una pianificazione di almeno 75 anni durante la quale praticamente ogni caposaldo di ciò che oggi tutti considerano ‘fare buona economia’ fu ideato dalle elite per nascondere l’esatto opposto, e cioè i mezzi per ottenere uno spolpamento strutturale del nostro bene comune. E’ questo l’inganno spettacolare che ancora oggi impedisce alla sinistra di fermare quella macchina mostruosa.

 

Infatti, la maggioranza delle persone, e tutta la sinistra, crede fermamente in quei capisaldi e li difendono pure. Ripeto: l’inganno delle elite ha fatto sì che la maggior parte della loro economia predatrice sembrasse addirittura benefica, logica. I cittadini e gli attivisti l’hanno adottata e oggi non riescono più a collegare i puntini fra ciò che loro considerano ‘fare buona economia’ e il piano delle elite. Sono stati turlupinati in modo clamoroso. Per esempio: chi mai oggi metterebbe in discussione che il deficit e il debito dello Stato è una sciagura e che debbano sempre essere eliminati? Chi oggi dubita che il futuro prospero dell’Europa stia in una “unione che fa la forza” per contrastare USA e Cina? La sinistra, poi, non solo predica

anch’essa la riduzione della spesa a deficit (anche positiva) dello Stato, ma dà per scontato che siano le tasse la fonte di denaro pubblico da spendere per il Sociale. C’è qualcuno a sinistra che sta gridando “il deficit pubblico è la ricchezza dei lavoratori, NON il loro debito”? Oppure “Lo Stato torni alla moneta sovrana e spenda a deficit per noi”? No, neppure uno. E ora che avete letto queste righe, voi sapete bene cosa le elite sono riuscite a rubarci, e a infliggerci, proprio grazie ai falsi dogmi del debito sciagura, della unione europea che fa la forza, delle tasse necessarie alla spesa sociale, del deficit uguale a debito dei cittadini, dello Stato che mai deve spendere a deficit.

 

Insomma, il risultato di ciò è che coloro che da sinistra credono di lottare contro il Sistema in realtà lo stanno nutrendo con il loro credere nella ‘buona economia’, che altro non è se non esattamente l’economia predatrice delle elite spacciata per buon senso. I Globocrati sono stati molto più intelligenti di quanto chiunque di voi creda.

 

 

 

E allora, bando alle ciance. Ecco cosa fare: dobbiamo aiutare le persone a comprendere

 

a) che stiamo affrontando un piano molto più strutturato e ampio di quanto chiunque si immagini.

 

b) che di gran lunga l’attacco più devastante alla democrazia non è politico, come molti credono. Le istituzioni democratiche sono state scardinate soprattutto dalla rimozione, ideologicamente e fisicamente ottenuta, della sovranità di spesa degli Stati e dei loro poteri legislativi sovrani. Infatti, una volta che gli Stati divengono incapaci di spendere a sufficienza per preservare il benessere del popolo, non c’è più speranza di mantenere alcun bene comune, e i giochi vanno tutti a favore delle elite. E preservare il bene comune è la democrazia stessa.

 

c) che conseguentemente al fine di preservare la nostra democrazia dobbiamo prima di tutto affrontare i dogmi economici distruttivi delle elite. Questo può essere fatto solo attraverso dei principi economici che rivendichino il primato della Spesa a Deficit Positiva per la difesa del bene comune, cioè il primato della ricchezza democratica su quella delle elite. La teoria economica del Modern Money Theory è precisamente quei principi, poiché permette di ottenere la piena occupazione, il pieno Stato Sociale e di mantenere la stabilità dei prezzi lontano dall’inflazione, cioè di creare una cittadinanza forte.

 

E allora dovremo

 

Organizzarci in divulgatori che stando fra la gente comune e nei luoghi della gente comune, fra i lavoratori, fra i piccoli imprenditori, e nella sinistra, permetta a tutti costoro di aprire gli occhi per capire A) le vere origini del presente disastro sociale ed economico, ovvero del colpo di Stato finanziario che sta storpiando la Storia B) il fatale

inganno nascosto in ciò che loro considerano oggi ‘fare buona economia’, e C) come Modern Money Theory ci può aiutare a salvare la nostra esistenza. Cioè la democrazia.