Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




Per iniziare questo corso di bilancio, appare fondamentale esplicitare subito cosa è, a cosa serve e come è composto il bilancio di esercizio, prima ancora di spiegare come esso nasce.

Unazienda è una realtà dinamica e in continuo movimento: una volta avviata, infatti, essa avrà una vita continua e senza interruzioni fino a quando, per i motivi più diversi, non cesserà di esistere. Per unimpresa, infatti, oltre allinizio e alla fine, non vi sono date praticamente significative. Il fatto che la vita di unazienda sia gestita in periodi cosiddetti amministrativi è il risultato di una convenzione, affinché si possa effettuare una fotografia dello stato di salute dellazienda e in base ad essa prendere le decisioni più consone per governarla. Tuttavia, mentre si scatta questa fotografia, la realtà aziendale continuerà a muoversi, vanificando, di fatto, la suddivisione convenzionale del periodo amministrativo.

La fotografia di cui stiamo parlando è, ovviamente, il bilancio di esercizio. Ma qual è esattamente loggetto di questa fotografia?

Con una prima approssimazione possiamo dire che il bilancio riguarda due fondamentali "categorie economico-aziendali", quali il capitale di funzionamento e il capitale di esercizio.

Il capitale di funzionamento rappresenta linsieme di elementi - espressi in unità monetaria detta "moneta di conto" o "valuta funzionale" - che concernono il patrimonio dellimpresa. In particolare, il capitale di funzionamento può suddividersi in tre sottosistemi:

   1. condizioni patrimoniali attive, ovvero il capitale di funzionamento impiegato nello svolgimento della gestione (come gli impianti, i fondi liquidi, le scorte di magazzino e così via);
   2. condizioni patrimoniali passive, ovvero tutti quei "sostegni" accordati da terze economie per un tempo limitato, affinché limpresa possa dotarsi delle condizioni patrimoniali attive (come i debiti verso fornitori, i prestiti erogati da banche e così via);
   3. condizioni patrimoniali nette, ovvero le condizioni che sono state fornite dai soci o dallautofinanziamento al fine di dotarsi delle condizioni patrimoniali attive (come i versamenti dei soci al capitale sociale, le riserve di utili e così via).

Queste tre condizioni patrimoniali sono indissolubilmente unite dalla seguente relazione duale bilanciante:

condizioni patrimoniali nette = condizioni patrimoniali attive - condizioni patrimoniali passive

ovvero, in un linguaggio più caratteristico dellaccounting:

 

patrimonio netto = attività - passività


Per quanto riguarda il reddito desercizio, invece, esso rappresenta la sintesi dei valori, espressi in moneta di conto, delle condizioni produttive originate dalla gestione (ad esempio, un tavolo di legno) contro le condizioni produttive assorbite dalla gestione (ovvero, il legno, i chiodi, la vernice, la manodopera e quantaltro è servito per creare quel tavolo di legno).

Queste due categorie fondamentali (il capitale di funzionamento e il reddito desercizio) non sono distinte e separate. Anzi, il reddito desercizio finirà per diventare parte del patrimonio netto, sia che esso sia positivo (e allora si avrà un incremento del patrimonio netto) sia che esso sia negativa (e in tal caso le condizioni patrimoniali nette decrementeranno).
Che cosa è il bilancio di esercizio?

Il bilancio di esercizio è, ad un primo impatto, un documento formale, redatto obbligatoriamente perché prescritto dalla legge, al fine di esporre la situazione reddituale, patrimoniale e finanziaria di unimpresa.

Ma una definizione siffatta risulterà essere indiscutibilmente riduttiva: infatti un bilancio è molto di più. Si tratta di un atto di conoscenza critica del divenire aziendale in un dato intervallo di tempo. E questo non avviene semplicemente perché la legge così prescrive, bensì perché chi ha il compito di amministrare unazienda e chiunque abbia con essa a che fare deve avere gli strumenti idonei per compiere delle scelte in coscienza.

Come un quadro è molto più della tela che lo contiene, così il bilancio è molto più del mero documento formale, ovvero il cosiddetto fascicolo di bilancio. Infatti nessuno, se non chi si trova allinterno dellazienda, potrebbe mai produrre un simile atto di conoscenza critica senza esservi immerso, al fine di giudicare in che modo si sviluppi il divenire dellimpresa. E solo in questo modo, solo con questa "immersione", con questo atto di conoscenza risulta possibile mettere su carta il bilancio di esercizio nelle sue diverse strutture. Infatti il bilancio di esercizio nasce con determinati metodi e dà vita a determinate strutture che contribuiscono a dare una conoscenza quanto più possibile realistica della successione di avvenimenti che hanno avuto luogo in quell"astrazione" che abbiamo definito "periodo amministrativo".

Ma definiamo, in poche parole, quali sono le strutture che compongono il bilancio di esercizio:

    * conto economico: si tratta della sintesi che riassume la genesi quali-quantitativa dei valori reddituali del periodo amministrativo;
    * stato patrimoniale: si tratta della sintesi che riassume la composizione quali-quantitativa del capitale di funzionamento nel momento in cui si considera terminato il periodo amministrativo considerato;
    * rendiconto finanziario: si tratta del documento in cui si mostrano quali flussi finanziari abbiano avuto luogo nel periodo amministrativo considerato.

In queste tre definizioni si può ricavare loggetto precipuo del bilancio di esercizio, ovvero il tipo di conoscenza che esso deve fornire.
"Criticità" del bilancio

Abbiamo definito il bilancio come un atto di conoscenza critica. In effetti, si vedrà successivamente, il bilancio non è sempre esatto, anzi, nella maggior parte dei casi esso non lo è affatto. Esistono sicuramente avvenimenti certi, ben quantificati, sui quali è possibile esprimere riscontri assoluti. Tuttavia non bisogna dimenticare che il bilancio nasce dalla "finzione" del periodo amministrativo e dunque è possibile che vi siano avvenimenti che abbiano una probabilità di verificarsi più o meno concreta. Può avvenire che un fatto sia certo, ma che non vi sia la possibilità di sapere quando e in che quantità esso accadrà, e addirittura può avvenire che non si sappia nessuno se un avvenimento si verificherà poi.

Il bilancio deve considerare anche queste eventualità per dare unidea quanto più possibile tangente alla realtà, e per questo entrano in campo delle ipotesi. Il redattore del bilancio deve effettuare delle stime e delle congetture su tali avvenimenti, e dare loro concreta espressione allinterno del bilancio. Questo non vuol dire che il bilancio diventi inattendibile o addirittura falso: anche in questo caso esistono dei principi fondamentali che il redattore deve seguire per dare concreta espressione di tali ipotesi. Tuttavia, anche in presenza di questi principi, la soggettività del redattore del bilancio non è messa in discussione, e appare anzi ineliminabile nel momento della redazione: ecco perché il redattore deve esprimere giudizi critici al fine di esprimere dati che, seppur non veri, siano perlomeno veritieri, in modo da fornire un quadro fedele della realtà aziendale.

Non bisogna, tuttavia, dimenticare che la soggettività rientra allinterno di ben determinati "paletti": appare impensabile lasciare al redattore libertà assoluta, ed è per questo che vi sono determinati postulati e principi da seguire nel momento in cui devono essere espressi tali giudizi critici.

Ma è proprio necessario formulare tali ipotesi? La risposta è "certamente sì". Non dimentichiamo che nella realtà non esiste interruzione nel flusso dellattività dellimpresa e pertanto le informazioni ipotizzate nellatto della redazione, ad esempio, potrebbero avere trovato concreta realizzazione nel momento della pubblicazione, oppure trovarla a poca distanza. In questo modo il bilancio, per quanto non più oggettivamente vero, risulta dare informazioni molto più utili di quanto potrebbe fare un bilancio che si limiti ai dati oggettivi. Ed è in fondo questo uno degli scopi di questo documento.
Il sistema dei valori

Allinterno del bilancio trovano espressione due tipi di valori. Uno si riferisce agli scambi monetari, laltro al sistema delle quantità economiche.
Scambio monetario

Potrà sembrare alquanto strano, ma lo scambio monetario può essere sia numerario che non numerario. Spieghiamo meglio:

    * uno scambio monetario si dice numerario quando le variazioni sono intervenute nella disponibilità delle quantità monetarie (una volta tale aggettivo, infatti, era destinato a indicare la liquidità);


    * uno scambio monetario si dice invece non numerario quando questo scambio si riferisce a variazioni di fattori che non sono quantità monetarie (si pensi allacquisto di un impianto o alla vendita di prodotti finiti).

Può quindi avvenire che:

    * lazienda abbia un inflow di condizioni produttive patrimoniali non numerarie a fronte di un outflow di condizioni produttive patrimoniali numerarie (ovvero si ha, ad esempio, unuscita di moneta in cambio di merci, ovvero lazienda è in posizione di acquisto);
    * lazienda abbia un outflow di condizioni produttive patrimoniali non numerarie a fronte di un inflow di condizioni produttive patrimoniali numerarie (ovvero si ha, ad esempio, unuscita di merci in cambio di moneta, ovvero lazienda è in posizione di vendita).

Questo ciclo di scambio ha dei momenti specifici che identificano la loro successione, e ve nè uno di notevole importanza, definito come momento moneta e credito. In questo momento, infatti, si assiste alla variazione simultanea delle condizioni produttive patrimoniali numerarie e non numerarie. Questo momento viene riconosciuto dal nostro redattore di bilancio in un iter di tre fasi:

   1. il nostro agente distingue fra variazioni numerarie e non numerarie;
   2. lagente trasforma tali variazioni in numeri, ovvero nella valuta di conto (ad esempio leuro: nel caso in cui avvenga uno scambio con valuta non di conto, come il dollaro, lagente provvederà alla conversione in euro);
   3. lagente rileva simultaneamente tali variazioni in base alla metodologia della partita doppia.

Sistema delle quantità economiche dazienda

Allinterno di unazienda avvengono movimenti continui, delle operazioni senza le quali non vi potrebbe essere attività. Queste operazioni danno vita a tutta una serie di gestioni, le quali convergono tutte verso un unico fine, il soddisfacimento degli obiettivi economici dellimpresa.

Chiameremo tutto questo svolgersi di operazioni sistema delle operazioni di gestione.

Queste operazioni sono "rozzamente" suddivisibili in cinque macroclassi:

   1. procacciamento delle risorse finanziarie;
   2. acquisizione dei fattori per la produzione;
   3. attività di trasformazione dei fattori per la produzione;
   4. vendita dei beni prodotti e/o dismissione dei fattori produttivi;
   5. remunerazione e/o rimborso delle risorse finanziarie procacciate al punto 1.

Notiamo immediatamente che le macroclassi 1, 2, 4 e 5 comportano lagire con entità diverse dallazienda, mentre la macroclasse 3 contiene attività che si svolgono tutte allinterno dellazienda. Pertanto, stabilire i flussi di 1, 2, 4 ed 5 risulta essere assai più semplice che in 3: infatti nel primo gruppo di macroclassi avviene uno scambio monetario facilmente quantificabile, mentre nel secondo ciò non accade. Dunque le prime quattro macroclassi trovano immediatamente espressione i valori numerari e non numerari, a differenza della macroclasse sub 3, e pertanto le prime quattro hanno un carattere di oggettività. Tale carattere di oggettività, tuttavia, non è sempre valido: può accadere, infatti che ci sia un certo bisogno di conoscenza di accadimenti che travalicano il periodo amministrativo di cui stiamo per redigere un bilancio, e dunque deve essere inserito nel nostro lavoro un certo sistema di discrezionalità e soggettività. Ed è per questa esigenza di conoscenza completa che interverranno nel nostro lavoro anche le stime e le congetture. Ne consegue che il nostro lavoro non avrà carattere assoluto, e per questo il nostro sistema di conoscenza può essere definito come sistema dei valori in unità economica relativa, ovvero che i valori attengono solo ad una frazione temporale del tempo aziendale che è invece continuo e non frazionabile.
Fondamenti dellaccounting

Ritorniamo allinizio della nostra lezione. Abbiamo detto che il bilancio desercizio considera due macrosistemi, il capitale di funzionamento e il reddito desercizio. Scendiamo nel dettaglio e definiamo meglio queste due componenti.

    * Il capitale di funzionamento è quellinsieme di valori che al termine di un periodo amministrativo è rappresentato:
          o da valori numerari e non numerari delle condizioni patrimoniali passive e nette, cioè le condizioni che finanziano il nostro lavoro, ovverosia:
                + il capitale preso a prestito (passivo);
                + il capitale fornito dai soci oppure dalla gestione (patrimonio netto, capitale netto o capitale proprio);
          o da valori numerari e non numerari delle condizioni patrimoniali attive, cioè le condizioni che ricaviamo quando impieghiamo i finanziamenti ricevuti di cui al punto precedente (attività, impieghi di capitale o capitale investito);
    * Il reddito di esercizio è, invece, lincremento o il decremento del patrimonio netto che si è ottenuto al termine del periodo amministrativo considerato, in seguito alle variazioni desercizio che si sono avute nel periodo amministrativo, in cui abbiamo assistito allentrata di condizioni produttive e alluscita di beni prodotti. Il reddito desercizio può essere vista come una tavola in cui valori antitetici (i componenti positivi e negativi di reddito) vengono comparati.

Riprendiamo la relazione duale bilanciante considerata allinizio della lezione:

patrimonio netto = attività - passività
 


Scriviamo in equazioni quanto abbiamo detto in questo paragrafo. Per quanto concerne il capitale di funzionamento, poniamo che:

    * CI sia il capitale impiegato al termine del periodo amministrativo;
    * MT sia il capitale preso a prestito (mezzi di terzi) al termine del periodo amministrativo;
    * N1 sia il patrimonio netto (capitale di rischio) al termine del periodo amministrativo.

Possiamo scrivere:

 

N1 = CI - MT


o anche:

 

CI = MT + N1




Per quanto concerne il reddito desercizio, che indichiamo R1, invece, poniamo che:

    * CPR siano i componenti positivi di reddito conseguiti nel periodo amministrativo;
    * CNR siano i componenti negativi di reddito conseguiti nel periodo amministrativo.

Possiamo scrivere:

 

+ CPR - CNR = R1


Ma noi abbiamo detto che R1 rappresenta la variazione del patrimonio netto fra la fine e linizio del periodo amministrativo considerato, e cioè, posto N0 come patrimonio netto allinizio del periodo, avremo:

 

N1 = N0 + R1


ovvero:

 

N1 = N1 + CPR - CNR


Sostituendo N1 nella seconda equazione espressa in questo paragrafo, avremo la cosiddetta equazione di sintesi del sistema di valori di esercizio, ovverosia:

 

CI = MT + N0 + CPR - CNR


Ecco perché il sistema di bilancio, pur essendo diviso in più sottosistemi, risulta essere uno e unitario: grazie allultima equazione, infatti, tutti i sottosistemi convergono nellunico grande sistema.
I sottosistemi in dettaglio

Abbiamo suddiviso i valori in numerari e non numerari, e abbiamo spiegato questo cosa significhi. Ma questi valori come vengono inseriti nelle tavole che compongono il bilancio?

Cominciamo con il considerare il sottosistema delle condizioni patrimoniali attive. Al suo interno ritroveremo sia valori numerari che non numerari, in particolare:

    * valori numerari attivi, ovvero la quantità di moneta a disposizione o che verrà a disposizione della gestione in futuro;
    * valori non numerari "accesi agli investimenti", cioè quelle risorse patrimoniali di cui lattività dellimpresa potrà beneficiare in futuro;
    * valori non numerari dei "crediti di finanziamento", cioè quelle risorse che si sono temporaneamente prestate a terzi solitamente a titolo oneroso, e che in futuro dovranno rientrare.

Per quanto riguarda il sottosistema delle condizioni patrimoniali passive, ritroveremo anche qui sia valori numerari che non numerari, ovvero:

    * valori numerari passivi, ovvero la quantità di moneta che, pur essendo adesso a disposizione, non lo sarà in futuro;
    * valori non numerari dei "debiti di finanziamenti", cioè quelle risorse che si sono state temporaneamente prestate da terzi solitamente a titolo oneroso, e che in futuro dovranno uscire.

Considerando il sistema del patrimonio netto, avremo solo valori non numerari, cioè:

    * valori non numerari del "capitale risparmio", ovvero il capitale messo a disposizione dei soci;
    * valori non numerari del capitale proprio autogenerato, vale a dire il capitale che è stato accantonato da utili di esercizi precedenti e non distribuito ai soci;
    * il valore non numerario che scaturisce dal reddito desercizio del periodo amministrativo considerato.

Il principio fondamentale di competenza economica

Come si può notare, il calcolo del reddito desercizio è un passo fondamentale se vogliamo dare uninformazione corretta dello stato in cui versa la nostra azienda: un calcolo errato del reddito desercizio (oltre ad avere conseguenze a livello giuridico) può riversarsi inevitabilmente sia sui rapporti con i terzi che il nostro bilancio leggeranno, sia sulle decisioni che il management dovrà assumere, senza considerare che un calcolo errato compiuto in un esercizio


precedente, se non corretto tempestivamente, si riverserà automaticamente sugli esercizi successivi.

Considerare il ciclo di vita di alcune operazioni della vita dellazienda può essere abbastanza facile: basti considerare quelle operazioni che iniziano e finiscono allinterno del periodo amministrativo, sulle quali non ci sono particolari difficoltà. Ben diverso sono le operazioni che si svolgono oltre i confini del periodo amministrativo considerato, ma per due o anche più periodi successivi. Al fine di giudicare correttamente questo tipo di operazioni, che non sono una rarità dato il continuum temporale in cui si trova lazienda e che è fuori dalla finzione del periodo amministrativo, ritroviamo un principio fondamentale dellaccounting. Ci riferiamo al principio di competenza economica, che costringe chi dovrà occuparsi del bilancio a valutare quanto determinati valori dovranno gravare su un determinato periodo amministrativo, in che quota, e per quanto negli esercizi successivi.

Questo principio ci impone di considerare quanto una determinata operazione dovrà gravare sul periodo amministrativo in corso e quanto sui prossimi. Facciamo un esempio: acquistiamo un impianto dal costo di 10 000 euro nel corso dellesercizio X, e programmiamo di utilizzare questo impianto per cinque esercizi (X, X+1, X+2, X+3, X+4). Il costo, a termini di bilancio, non ricade tutto sullesercizio X: questo non rispetterebbe il principio di competenza economica, in quanto il nostro impianto non sarà utilizzato solo nellesercizio X. Dunque provvederemo ad effettuare una suddivisione di questa spesa su cinque esercizi, pertanto sullesercizio X graverà solo il costo di 2 000 euro, e così anche per gli esercizi successivi.

Si badi bene: la competenza economica appena espressa non coincide con la competenza monetaria. Lesborso di 10 000 euro, per lacquisto dellimpianto, può avvenire tutto nellesercizio X; in altre parole, dalla nostra cassa escono 10 000 euro nel corso dellesercizio X e 0 negli esercizi successivi. Dunque la competenza economica non coincide con la competenza monetaria.
Valori di bilancio per natura e per oggettività

Abbiamo dunque visto che, assieme a valori certi, esistono anche valori stimati e congetturati, che scaturiscono dallapplicazione del principio di cui al paragrafo precedente. Dunque i valori di bilancio possono essere distinti per oggettività (certi, stimati e congetturati) e per natura (numerari e non numerari). Vediamo in dettaglio.


Classificazione per oggettività

Abbiamo detto che i valori di bilancio possono essere, in base ad una classificazione per oggettività, certi, stimati e congetturati:

    * i valori certi sono quantità economiche, ovvero hanno carattere di oggettività assoluta e attengono ad operazioni di scambio monetario. I valori certi, pertanto, possono essere sia numerari che non numerari;
    * i valori stimati esprimono degli scambi monetari che solo in futuro diventeranno perfettamente oggettivabili. Non si conosce di quanto sarà il loro ammontare (che noi provvederemo a stimare, appunto), ma solo che si presenteranno in futuro. Anche i valori stimati possono essere sia numerari che non numerari, ma nel caso dei valori numerari può esservi una ulteriore distinzione fra valori numerari assimilati (quando ad esempio tali valori sono direttamente esprimibili in moneta di conto) e in valori numerari presunti (quando ad esempio tali valori sono inizialmente espressi in moneta non di conto, e che pertanto, nel momento in cui diverranno quantità economiche, saranno legati anche ad una conversione in moneta di conto di cui non conosciamo ancora il rapporto);
    * i valori congetturati sono valori, potremmo dire, astratti: non sappiamo in che quantità si verificheranno, e neppure se si verificheranno. Il redattore del bilancio valuterà la possibilità che un determinato fatto avvenga e deciderà di costruire astrattamente questi valori: in questo caso, dunque, i valori scaturiscono da una ipotesi-finzione. I valori congetturati possono essere soltanto non numerari.

Classificazione per natura

Abbiamo detto che i valori di bilancio possono essere, in base ad una classificazione per natura, numerari e non numerari:

    * i valori numerari sono valori che esprimono condizioni produttive monetarie, che possono essere variazioni immediate o differite nel tempo. In base a quanto detto sopra, essi possono essere distinti in:
          o valori numerari certi, ovvero le quantità monetarie oggettive;
          o valori numerari assimilati;
          o valori numerari presunti.
    * per quanti riguarda i valori non numerari, la cosa si fa più articolata. Si tratta di condizioni produttive non numerarie di cui si avvale la gestione

    * e possono essere, in breve e certamente in modo non esaustivo, i seguenti:
          o prezzi-costo sostenuti per lacquisto di fattori produttivi, per la remunerazione del lavoro o per il pagamento dei tributi;
          o oneri finanziari, patrimoniali, straordinari e diversi;
          o debiti non numerari per capitale ricevuto a prestito;
          o prezzi-ricavo per la vendita dei nostri prodotti;
          o proventi finanziari, patrimoniali, straordinari e diversi;
          o crediti non numerari per capitale dato in prestito;
          o le parti che compongono il patrimonio netto.

I valori di bilancio devono sempre essere valutati e classificati sia per natura sia per oggettività. Si ricordi che, in ogni caso, alle stime e alle congetture si deve ricorrere se e solo se non vi sono quantità economiche certe. Unulteriore distinzione va tuttavia espressa: i valori di bilancio possono essere valori reddituali (che sono tutti non numerari) quando attengono al sottosistema del reddito, oppure valori patrimoniali (numerari e non numerari) quando attengono al sottosistema del patrimonio.

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Limitazione di responsabilità e condizioni di utilizzo

Le informazioni finanziarie presentate da Financial Polis  sono reperite con l' innovativa tecnologia WIKI. Non devono essere utilizzate per scopi fraudolenti. Per ottenere informazioni più dettagliate contattare il Fondatore Ing. Fabio Sipolino.

Condizioni di utilizzo

L'uso di questo sito web implica l'accettazione dei termini e delle condizioni sottoindicati.

Nonostante Financial Polis  ponga ogni cura per assicurare che il materiale, le informazioni e i dati (sotto indicati come “Materiale”) forniti su questo sito (definito come 'Sito Web') siano accurate e aggiornate, occorre sottolineare che il Materiale viene fornito ”tal quale” e senza garanzie di alcun tipo, né esplicite, né implicite o di tipo istituzionale, né legate a titoli o diritti di terzi.

Financial Polis si riserva il diritto, a sua totale discrezione, di aggiungere, modificare o rimuovere Materiale senza preavviso.

Il Materiale è realizzato solo a scopo di fornire informazioni generali e Financial Polis  non si assume alcuna responsabilità per le informazioni contenute nel Sito Web e declina ogni responsabilità riguardo alle informazioni fornite. Coloro che decidono di accedere al Sito Web (di seguito indicati come “Utenti”) si assumono tutti i rischi connessi all'impiego del medesimo ed esonerano Financial Polis, i suoi dirigenti, delegati ed impiegati da ogni responsabilità per eventuali danni, mancanze, perdite, costi e spese, comprese eventuali spese legali, derivanti o correlati all'uso delle informazioni, servizi o prodotti offerti e/o presentati su questo Sito Web.

Financial Polis  non fornisce alcuna garanzia che il Materiale sia privo di infezioni da parte di virus, o altre contaminazioni informatiche, o che i dati o le informazioni siano creati e strutturati in file privi di errori tecnici. Il download di qualsiasi Materiale è a totale rischio dell'Utente e l'Utente sarà il solo responsabile per ogni danno, perdita o problema, sia subito dall'Utente stesso sia causato in conseguenza ad azioni dell'Utente connesse al download e/o all'uso di qualsiasi Materiale presente sul sito di Financial Polis, o su ogni sito esterno connesso a Financial Polis. Financial Polis non è responsabile per nessun contenuto presente su ogni altro sito web accessibile tramite il Sito Web di Financial Polis, né sponsorizza o fornisce alcuna garanzia per i prodotti o i servizi forniti da terzi, né quando questi siano presenti sul Sito Web di Financial Polis sotto forma di informazioni, materiale o contenuto inclusi nel Sito Web stesso, né quando vengano indicati come riferimento né quando siano raggiungibili dal Sito Web mediante link ipertestuali.

Nel caso il Sito Web di Financial Polis  dovesse contenere dei forum in linea, o altri strumenti per l'invio di messaggi o comunicazioni, Financial Polis  non potrà essere ritenuto responsabile per il contenuto o la qualità dei contributi forniti dagli utenti di internet, inclusi quelli forniti dagli utenti denominati “Moderatori del Forum”. Le opinioni espresse dagli Utenti non rifletteranno necessariamente le opinioni di Financial Polis. Financial Polis sottolinea che i forum in linea, e gli altri strumenti per l'invio di messaggi non possano in alcun modo sostituire la consulenza individuale, o la consultazione di un professionista.

Se il sito Web di Eurordis dovesse contenere forum online, o altri strumenti per l'invio di messaggi o comunicazioni, l'utente non dovrebbe:

 

L'utente, in particolare, è consapevole e concorda sul fatto che Financial Polis non sia responsabile per qualsiasi condotta degli altri utenti, ad includere, ma non solo, i tipi di comportamento sopra citati.

L'host server del sito web è situato in Francia, e la legislazione relativa ai siti web da applicarsi è esclusivamente quella francese.

Questa limitazione di responsabilità non è intesa a escludere la responsabilità di Financial Polis nel caso di violazione di leggi nazionali né a escludere la relativa responsabilità per le questioni che non possono essere escluse secondo quella legge.

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

THIS WEB SITE IS FOR INFORMATIONAL USE ONLY, NOTHING ON THIS WEB SITE IS PRESENTED AS AN OFFER TO SELL OR A SOLICITATION OF AN OFFER TO BUY AN INTEREST IN ANY INVESTMENT FUND OR FOR THE PROVISION OF ANY INVESTMENT MANAGEMENT OR ADVISORY SERVICES.

Nothing in this site constitutes an offer or solicitation to invest in securities of any kind nor does it constitute any investment advice.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il Sistema Financial Polis, di cui Ing. Fabio Sipolino è l'unico Fondatore, è basato sulla rivoluzionaria filosofia WIKI. Qualunque informazione riportata che non fosse in regola con la NORMATIVA VIGENTE sarà rimossa o riformulata.

Qualunque PROSUMER che notasse un' anomalia in contraddizione con la NORMATIVA VIGENTE dovrà doverosamente avvertire l' unico Fondatore e Detentore del Marchio Financial Polis:  Ing. Fabio Sipolino

 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------