Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




 

9) Con la lira sovrana che ne sarebbe dei tassi di interesse sul denaro? E dei titoli

di Stato?

Con la nuova lira succederebbe questo:

La Banca centrale fisserebbe il tasso di interesse;

il tasso di interesse interbancario, secondo il mio suggerimento, dovrebbe scendere a

zero (così finalmente tutti funzionari bancari se ne andrebbero a casa e si

deciderebbero a fare qualcosa di utile!).

Questo causerebbe inflazione? no.

Facciamo un esempio: il Giappone ha avuto il tasso a zero per vent'anni, con un

rapporto debito/Pil del 200%: eppure ha bassissima inflazione e moneta fortissima.

Ergo, questo non causa inflazione.

Sono piuttosto gli alti tassi di interesse che la causano. Ciò dimostra che i funzionari

bancari non capisco nulla dei meccanismi del denaro.

Quanto ai titoli di Stato (o, all'inglese, "bond"): è il mercato a fissare il tasso di

interesse sui bond, a meno di una diversa decisione del governo. In Giappone ad

esempio la Banca centrale ha mantenuto per molto tempo tassi decisamente bassi; a

tutt'oggi il tasso di interesse a 10 anni è basso.

Chiariamoci però: il governo non è affatto tenuto ad emettere titoli di Stato. Essi

costituiscono un conto di riserva dello Stato, di fatto un nuovo conto presso la

Banca centrale. Ma non c'è alcun motivo per avere titoli di Stato se c'è moneta

sovrana "fiat".

Si tratta nuovamente di un anacronismo: i titoli di Stato avevano senso con il gold

standard, perché servivano ad evitare che la gente incassasse direttamente l'oro.

Adesso sono, a tutti gli effetti, non necessari

 

10) E i tassi sui mutui bancari?

Sarebbero più o meno del 2,5-3%, e questo per sempre.

Ciò accadrebbe per ovvie ragioni di competitività fra le banche, a meno di una diversa

decisione del governo dovuta a ragioni di interesse pubblico, ma non riesco ad

immaginare quali.

In sintesi, con la moneta sovrana, si avrebbero:

• tassi bassissimi per la Banca centrale

• tassi bassissimi per le banche

• tassi molto bassi per i mutui ai privati.

Queste sono esclusivamente scelte politiche. Mi rifaccio alla situazione degli Stati

Uniti: negli Usa il Congresso è il capo, il Presidente nomina il Presidente della Fed, il

Congresso approva la nomina, decidono insieme il periodo in cui questi rimane in

carica e poi lo licenziano. Decidono loro tutte le regole: tutto parte dal governo e tutto

torna lì. È quello che si chiama "agenzia governativa".

Se dunque si sceglie di agire diversamente, è esclusivamente per ragioni politiche.

11) Bene: finora abbiamo esaminato l'ipotesi che l'Italia esca dall'euro e si riprenda

la sovranità monetaria. Proviamo ora ad ipotizzare che cosa accadrebbe se

l'Italia non riuscisse a riconquistare la sovranità e rimanesse nell'euro.

Quale soluzione si potrebbe immaginare?

A dire il vero io di soluzioni ne ho due, che considero meno valide del ritorno alla

moneta sovrana, ma comunque accettabili. Eccole:

a. Soluzione n° 1: richiede necessariamente l'intervento dell'Unione Europea, e

consiste in questo:

la BCE finanzia tutti gli Stati: attua cioè una distribuzione di euro a tutti gli

Stati in proporzione al reddito pro capite, in ragione del 10% del Pil dell'Unione

Europea su base annua.

Questo risolverebbe il problema della solvibilità. I tassi di interesse sarebbero

fissati in precedenza. In questo modo tutti gli Stati potrebbero finanziare lo stretto

necessario e rilanciare la loro economia.

Difetti di questa soluzione:

contiene elementi affidati al caso; se ad esempio nessun paese ha problemi di

credito, si assiste ad una corsa al ribasso; e se tutti gli Stati possono spendere

quanto vogliono, si crea un'inflazione selvaggia.

Il "Patto di crescita e stabilità" dell'UE, sottoscritto nel 1997, sarebbe dovuto

servire per l'appunto a questo, ad impedire cioè che si creassero pesanti disparità

fra gli Stati; ma non ha funzionato e non può funzionare, perché si basa su un

principio sbagliato: ora infatti chi sgarra viene sanzionato mediante pesanti

multe, e questo è poco sensato ed anche poco utile, perché:

- non si può cavar sangue da una rapa;

- il rapporto del 3% deficit/PIL è veramente troppo basso, di fatto irrealistico e

pressoché impossibile da raggiungere. Il rapporto giusto e realistico sarebbe del

5-6-7-8%.

Io contropropongo questo:

- tutti gli Stati che violano i limiti prefissati, invece di essere multati,

semplicemente non godono del pagamento del 10%;

- nel contempo la BCE finanzia la piena occupazione con un salario decente ma

fisso. Questo va a costituire una riserva-tampone di occupazione, ma, beninteso,

è una soluzione transitoria. Serve ad impedire problemi sociali gravissimi, in

attesa che il settore privato ritorni a crescere. Con l'espansione del settore

privato, si ha poi la vera occupazione.

Si ottiene così una stabilizzazione automatica del sistema.

 

Si tenga presente che i disoccupati trovano difficilmente lavoro: nessun datore di

lavoro li vuole, ed in effetti non bisogna tenere la gente disoccupata, perché perde

il senso ed il ritmo del lavoro.

Se le BCE fungesse da supervisore, nel modo che ho descritto, le aziende

assumerebbero molto più volentieri gli individui temporaneamente occupati nel

settore pubblico.

È né più né meno il programma che ho fatto applicare nell'Argentina del

default nel 2001, e che, come sapete, ha funzionato piuttosto bene.

All'epoca 2.000.000 di Argentini aderirono al programma varato dal governo su

mio suggerimento: ricevevano un salario irrisorio all'inizio, solo 100 dollari al

mese, ma nel giro di un paio d'anni 1.000.000 di essi era già impiegato nel settore

privato, che nel frattempo si era risollevato.

E questa è la prima soluzione. Vediamo ora la seconda.

b. Soluzione n° 2: non richiede l'intervento dell'Unione Europea ed è totalmente

autogestita dall'Italia.

Si tratterebbe di lasciare titoli di Stato dove sono, senza alcun tipo di

aggiustamento; l'Italia si finanzierebbe senza problemi così:

in caso di insolvenza dello Stato, se questo non riesce a far fronte al

rimborso dei bond, i titoli più l'interesse maturato vengono usati per pagare

le tasse.

Se la gente sapesse che con i titoli di Stato può pagare comunque almeno le tasse,

infatti, li comprerebbe molto più volentieri.

Questo piccolissimo accorgimento modificherebbe del tutto l'atteggiamento degli

investitori e dei risparmiatori nei confronti dei titoli italiani. Verrebbe applicato un

tasso d'interesse normale ed il tutto si svolgerebbe nel rispetto del diritto

internazionale.

Difetti di questa soluzione:

non risolve il problema della disoccupazione, ed è quindi da considerare meno

positiva della precedente.

La migliore soluzione per l'Italia è dunque il ritorno alla sovranità monetaria, anche

se a mio parere l'optimum, ovvero la soluzione ideale nel migliore dei mondi possibili,

sarebbe la trasformazione dell'euro in euro sovrano.

Questo però implicherebbe un radicale cambiamento di impostazione della BCE e

dell'Unione Europea e la modifica dei suoi trattati, a cominciare da quello di Lisbona.

È per questo che questa soluzione ottimale è da considerare irrealistica, perché si

scontra, ancora una volta, con problemi di natura politica ora insormontabili.

(A questo punto si assiste ad un piccolo battibecco tra Paolo Barnard e Warren Mosler

sulla questione dell'"euro sovrano", sul quale Barnard non è affatto d'accordo, ritenendo

di gran lunga preferibile il ritorno alla sovranità monetaria).

12) Cos'è esattamente l'emissione di un titolo di Stato con moneta sovrana?

Vogliamo spiegare bene il meccanismo?

I titoli di Stato sono nati da questa esigenza: una volta, quando esisteva il gold

standard, lo Stato emetteva titoli per evitare che la gente si presentasse a riscuotere

direttamente l'oro, portandolo via dalle banche.

Senza il gold standard in effetti i titoli non hanno senso: l'idea dei titoli oggi nasce

dall'erronea convinzione che il governo debba ancora avere una riserva di denaro

per poter spendere, ma questo è totalmente falso.

 

Perché dunque si continua ad emettere titoli? A cosa serve?

Ha ancora un senso, ma completamente diverso: l'emissione di titoli serve infatti ad

avere interessi a lungo termine più alti. Vediamo come.

Quando la Banca Centrale attua il cosiddetto "quantitative easing", vale a dire

compra i titoli che lo Stato ha appena venduto, in pratica succede questo:

1. il governo spende per primo, accreditando il conto corrente della Banca

centrale;

2. il Tesoro vende i bond, e i soldi passano dal conto corrente al conto di

risparmio (che abbiamo detto essere quello dei bond);

3. la Banca centrale compra i titoli: i soldi passano dal conto di risparmio al conto

corrente.

Questo apparente circolo vizioso è ciò che si chiama "gestione del debito". In effetti è

solo un gioco di dare-avere. Dall'esterno può sembrare una stupidaggine, ma

funziona.

Crea dei problemi? Be', guardiamo i fatti: ci sono 16 trilioni di dollari nelle riserve

della Fed: se ci fosse stato un problema, sarebbe saltato fuori già da un pezzo.

È lo stesso tipo di obiezione che è stato fatto ai Giapponesi, e alla quale una persona

spiritosa ha risposto: "Sì, lo sappiamo: è da trecento anni che ci dicono che il

Giappone andrà in crisi per questo motivo!".

In economia ci sono diversi giochetti di questo tipo, che spaventano gli inesperti: così

per esempio il declassamento degli Usa e del Giappone: i fatti dimostrano che non è

stato affatto un problema, dal momento che entrambi hanno tassi di interesse

bassissimi.

In estrema sintesi:

se si spende troppo si hanno: inflazione

calo della valuta

se non si spende abbastanza si hanno: deflazione

disastro.

Cosa è peggio?

13) Warren, vuoi raccontarci il tuo incontro con Luigi spaventa nel 1992, quando

l'Italia era sull'orlo del baratro e un tuo colloquio con lui riuscì ad impedire il

disastro finanziario?

Sì, lo racconto dettagliatamente nel mio libro Seven Deadly Innocent Frauds of

Economic Policy.

L'Italia del 1991-92 si trovava in una situazione disastrosa: i tassi di interesse

avevano superato il 12% e così pure l'inflazione. Il rapporto debito/PIL superava il

120% e i tassi di interesse che pagava sui BTP erano il triplo del suo tasso di crescita

(l'Italia cresceva ad un 6-7% nominale come PIL, inflazione inclusa).

Il default era stato previsto da tutti, ad esempio dall'economista Rudi Dornbusch di

Harvard, autore del testo di economia base di ogni corso universitario all'epoca, che

in un apposito rapporto analizzò e descrisse le cause per cui la bancarotta italiana

era inevitabile.

Questa situazione attrasse la mia attenzione di speculatore, perché c'era la

possibilità di fare molti soldi senza alcuna fatica: gli investitori internazionali

potevano comprare BTP, che pagavano un 14%, prendendo a prestito lire per

rimborsarli al 12%, sulla stessa durata temporale. Questo era quello che in gergo si

definisce un "pasto gratis", un modo sicuro di fare soldi.

Bisognava però essere certi che lo Stato italiano non avrebbe fatto default.

 

Lo stesso problema si ripresenta oggi, e per questo il motivo quasi nessuno compra i

titoli italiani: con la differenza che oggi il problema default è reale, allora invece no,

come compresi all'improvviso dopo averci molto pensato su.

Sapevo infatti che nessuna nazione aveva mai fatto default nella sua valuta in

una situazione di tassi di cambio flessibili e che i default accadono solo con il

gold standard, con tassi di cambio fissi e con indebitamento in valuta straniera.

L'Italia non si trovava in nessuna di queste condizioni, e quindi non poteva,

tecnicamente, fare default.

Ma perché, mi domandai, era così? La risposta corrente era: "perché possono

sempre emettere moneta". Questa è una risposta corretta, ma nessuno Stato in

realtà, neppure allora, "stampava moneta" nel senso tradizionale del termine, per cui

ci doveva essere una ragione più seria.

Poi ebbi l'illuminazione: se negli Usa compriamo dei bonds dalla Fed o dal Tesoro,

funzionalmente non c'è differenza: inviamo un bonifico nello stesso posto (alla Fed) e

otteniamo in cambio la stessa cosa, per cui deve essere lo stesso: ho un conto in titoli

anziché un conto corrente, ma non fa alcuna differenza.

La differenza sta dalla parte del governo, cioè nel come viene contabilizzata

l'operazione: il Tesoro vende i bond per finanziare la spesa pubblica, mentre la Fed li

vende per ridurre le riserve nel sistema bancario e mantenere il tasso di interesse

interbancario al livello che desidera. In ogni caso, con una moneta sovrana, non si

tratta mai di procurarsi il denaro necessario per finanziare la spesa pubblica

(oggi purtroppo, con l'euro non sovrano, sì).

Quindi il vero obiettivo, consapevole o più spesso inconsapevole, per cui si

emettevano i bond, era quello di sostenere i tassi di interesse bancari, farli salire,

non quello di avere soldi da spendere: questo perché, con la moneta odierna, il

governo deve prima spendere, e poi incassare (con le tasse); e questo è ovvio: lo Stato

sovrano è l'unico a poter emettere moneta, non c'è nessun altro che possa finanziarlo!

Quindi, lo Stato prende a prestito la sua stessa moneta dopo averla distribuita.

Compreso dunque che era solo un trucco per ridurre o aumentare le riserve

bancarie, ruppi gli indugi e mi recai in Italia nel 1992.

Chiesi un colloquio con Luigi Spaventa, all'epoca coordinatore del Consiglio degli

esperti presso la Direzione generale del Tesoro (poi, nel 1993, sarebbe stato promosso

Ministro del Bilancio e della Programmazione Economica). Durante questo colloquio

gli chiesi, per metterlo alla prova: "Professor Spaventa, ma perché l'Italia emette titoli

di Stato: per avere delle lire da spendere o perché, se si spendessero le lire senza

emettere i bond, i tassi interbancari della lira scenderebbero a zero?".

Spaventa, sorpreso, tacque per un minuto, e poi disse: "No, non a zero: il tasso

interbancario scenderebbe a 0,5%" (questo perché lo 0,5 è il tasso minimo, quello che

si paga sulle riserve bancarie tenute presso il Tesoro).

Ed io pensai: ecco finalmente uno che capisce come funziona il sistema

monetario!

Questa mia domanda causò un'illuminazione anche al Professor Spaventa: saltò su

dalla sedia tutto felice esclamando: "Ci stanno rendendo prociclici1!" ed incominciò a

dirne di tutti i colori contro il Fondo Monetario Internazionale. Poi chiamò tutti i suoi

collaboratori, ci offrì dei cappuccini e l'incontro si trasformò in un party di due ore

circa.

Risultato: nessuna misura straordinaria richiesta dal FMI fu presa dall'Italia e

non ci fu nessuna crisi.

 

Questo a dimostrazione del fatto che gli Stati non sono mai insolventi e non

possono mai fare default quando hanno una valuta sovrana a tasso fluttuante.