Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




La Riserva frazionaria spiegata da Maurice Allais



In buona sostanza il meccanismo del credito provoca la creazione dal nulla (ex nihilo) di modalità di pagamento, poiché il possessore di un deposito presso una banca lo considera come un incasso disponibile, mentre, allo stesso tempo, la banca ne ha prestato la parte più grande che a sua volta, redepositata o meno presso una banca, è considerata come un incasso disponibile dal suo ricevente.
A ogni operazione di credito si ha in questo modo una duplicazione di moneta.
A conti fatti il meccanismo del credito provoca una creazione di denaro dal nulla (ex nihilo) attraverso dei semplici giochi di scritture contabili .
Basandosi sostanzialmente sulla copertura frazionaria dei depositi, esso è instabile alla base.
Il volume dei depositi bancari dipende infatti da una decisione duplice, quella della banca di prestare a vista e quella di chi prende a prestito di indebitarsi.
Il risultato è che la quantità globale della massa monetaria è estremamente sensibile alle fluttuazioni congiunturali. Tende a crescere in un periodo di ottimismo e decrescere in un periodo di pessimismo: da ciò si hanno effetti destabilizzanti.
E' infatti certo che, per la maggiore, l'ampiezza di queste fluttuazioni è il risultato della leva dei crediti e che, senza l'amplificazione della creazione (o della distruzione) monetaria per mano delle Banche, le fluttuazioni congiunturali sarebbero considerevolmente smorzate, se non eliminate del tutto .
Da sempre si è potuto parlare di "Miracoli del Credito".
Per i beneficiari del credito c’è in effetti un qualcosa di miracoloso in questo meccanismo, poiché esso permette di creare dal nulla (ex nihilo) un potere di acquisto effettivo che fa leva sul mercato, senza che questo potere di acquisto possa essere considerato come il compenso per un servizio reso.
Tuttavia, tanto la mobilizzazione di "veri risparmi" da parte delle banche è sostanzialmente utile per permettere il finanziamento degli investimenti, quanto l’affermazione di "falsi diritti" da parte della creazione di moneta è sostanzialmente nociva, tanto dal punto di vista dell'efficacia economica, che essa compromette attraverso la distorsione dei prezzi che essa provoca, che dal punto di vista della distribuzione dei redditi, che altera e rende ingiusta.
Attraverso l'utilizzo di depositi a vista e a breve termine dei propri correntisti, una banca arriva a finanziare degli investimenti a termine medio e lungo corrispondenti ai prestiti concessi ai suoi clienti.
Questa attività si basa così sullo scambio di promesse di pagamento a un termine dato dalla banca con promesse di pagamento dei clienti a scadenze più dilazionate mediante il pagamento degli interessi.
Il totale degli attivi e dei passivi del bilancio di una banca sono uguali, ma tale uguaglianza è puramente contabile, poiché si basa sulla corrispondenza di elementi di natura differente: al passivo depositi a vista e a breve termine della banca, all'attivo crediti a termine più lungo corrispondenti ai prestiti effettuati dalla banca.
Da questo risulta un'instabilità potenziale permanente del sistema bancario nel suo insieme, poiché le banche sono in ogni momento nell'incapacità assoluta di fare fronte a dei ritiri di massa di depositi a vista o a termine prossimi alla scadenza, non essendo i loro attivi disponibili che a termini più lunghi...

Ciò che, per contro, è davvero pericoloso è l'amplificazione degli squilibri attraverso il meccanismo del credito e l'instabilità del sistema finanziario e monetario nel suo complesso, sia a piano nazionale che internazionale, che ha provocato.
Questa instabilità è stata considerevolmente aggravata attraverso la rimozione dei vincoli sulle movimentazioni di capitali in gran parte del Mondo.