Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




Un Conto Energia per il solare termico e incentivi all’efficienza energetica in edilizia

Il sottosegretario allo Sviluppo Economico Stefano Saglia annuncia le misure che il Governo varerà entro l’estate

29/06/2011 - Un Conto Energia per il solare termico e un Piano per l’efficienza energetica degli edifici e dell’industria.

Un Conto Energia per il solare termico e incentivi all’efficienza energetica in edilizia

 

 
Sono i contenuti di due decreti legislativi, annunciati dal sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, nel corso di un seminario all’Università Bocconi a Milano. Il Governo li varerà entro l’estate, per rilanciare la sua politica energetica dopo la pesante bocciatura del nucleare al Referendum del 12 e 13 giugno.
 
Il Conto Energia per il solare termico, previsto dal Decreto Rinnovabili (Dlgs 28/2011) che attua la Direttiva 2009/28/CE, ricalcherà quello per il fotovoltaico (DM 5 maggio 2011) e punterà a promuovere il solare termico che ha potenzialità - secondo Saglia - “superiori rispetto alle promesse del fotovoltaico” e che “darà il maggior contributo per il raggiungimento degli obiettivi al 2020”.
 
Secondo il piano di azione sulle rinnovabili allo studio del Governo, “le rinnovabili elettriche dovranno passare nel 2020 dagli attuali 5 a 8,5 Mtep, mentre le rinnovabili termiche dovranno passare da 3,2 a 10,4 Mtep”.
 
Per raggiungere questi obiettivi, saranno necessari nuovi e più efficiaci strumenti di incentivazione, anche perché  - ha riconosciuto Saglia - “abbiamo un meccanismo di sostegno strutturale, i certificati bianchi, attualmente non del tutto idoneo a stimolare iniziative davvero competitive” e “altri strumenti di sostegno, come le detrazioni fiscali del 55% che al momento sono previste esaurirsi a fine 2011, non sono comunque idonei a coprire la varietà di soluzioni tecniche impiegabili”.
 
Per la promozione dell’efficienza energetica, il Governo metterà in campo un mix di strumenti finalizzati allo sviluppo del sistema imprenditoriale italiano: promozione di nuova edilizia a rilevante risparmio energetico e riqualificazione energetica degli edifici esistenti, promozione della cogenerazione diffusa e dell'autoproduzione di energia per le piccole e medie imprese, rafforzamento del meccanismo dei titoli di efficienza energetica, promozione di prodotti nuovi altamente efficienti.