Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




 

«Portare il tuo business online non è mai stato così facile». Questo lo slogan che accompagna il debutto di La Mia Impresa Online.it, il portale nato dalla collaborazione di quattro importanti soggetti che operano nel mondo di Internet in Italia, e cioè Google, Seat Pagine Gialle, Register.it e Poste Italiane. Il fine di questa collaborazione ad ampio respiro è la seguente: mettere a disposizione delle Pmi, e in modo particolare delle piccole e piccolissime imprese, una piattaforma gratuita per entrare e operare in Rete.

A zero costi, per un periodo di un anno, è infatti la possibilità di costruire ex novo il proprio sito e di personalizzarlo graficamente, di registrare l'indirizzo Web presso un register autorizzato e di aggiungere la vetrina di e-commerce. Se poi il sito esiste già, ecco l'opportunità di dotarlo della sezione dedita alla vendite online e di promuoverlo con le AdWords di Google, che al progetto destina 100 euro di coupon per tutte le aziende che sposeranno l'iniziativa.

Alla presentazione alla stampa avvenuta stamani a Milano, Carlo D'Asaro Biondo, Presidente Sud e Est Europa, Medio Oriente e Africa di Google, ha così inquadrato la genesi di un progetto definito in modo esplicito molto importante". "Le Pmi – ha poi esteso il concetto D'Asaro Biondo - sono il 99% delle imprese italiane e producono il 70% del Pil. Le Pmi che operano sul Web fatturano di più, assumono di più, esportano di più e sono più produttive di quelle che online non sono presenti o hanno solo un sito vetrina.

Il problema è che quelle che con Internet ci lavorano in modo strutturato, in Italia, sono solo il 2%. Sono quindi poche, pochissime e con La Mia Impresa Online.it contiamo di moltiplicarne il numero". Perché nasce questo portale ha quindi una spiegazione ben precisa e secondo il manager di Google risiede nel fatto che "la cosa più difficile di una piccola impresa su Internet è la fase iniziale, l'avvio.

L'obiettivo è quello di creare le condizioni per lo sviluppo di questo fenomeno, diventando un partner del tessuto economico italiano, non un elemento sostitutivo del network delle imprese. È un progetto che vuole durare nel tempo ed è aperto anche ad altri soggetti". Quello che ha preso corpo oggi, in buona sostanza, è un'iniziativa che vuole ripetere l'esperienza di altri Paesi – è appena nato in Poilonia ed è attivo da qualche tempo in Francia e Inghilterra – e che si rivolge alle migliaia e migliaia di micro aziende che finora hanno trovato qualche ostacolo di troppo (tecnologico e non) nel diventare soggetti attivi nella grande Rete.

Alberto Cappellini, amministratore delegato di Seat PG, ha ribadito il concetto dell'importanza di rendere il Web uno strumento più accessibile e produttivo per le micro imprese e lo ha fatto ricordando come solo nell'ultimo anno la sua società abbia accompagnato su Internet oltre 60mila Pmi, fornendo loro il know how e la piattaforma per la creazione e la messa online di un sito. Lo stesso farà anche per le aziende cui è destinata l'iniziativa, per cui Seat curerà le attività di registrazione e di hosting del sito e la gestione delle caselle e-mail. Il ruolo di Poste Italiane sarà invece quello di assicurare i servizi finanziari e la gestione delle transazioni di pagamento, nonché tutta la parte di logistica, mentre a Register.it, infine, tocca l'operatività della piattaforma di e-commerce (gratuita per tre mesi).

Scaduto il periodo promozionale di dodici mesi, nel corso dei quali ciascuna impresa potrà scegliere di attivare tutti o alcuni dei servizi offerti, non c'è nessun obbligo di rinnovo e chi dovesse scegliere di usufruire di servizi diversi da quelli offerti dai partner di La Mia Impresa Online.it avrà la possibilità di trasferire il proprio dominio. Per le aziende che cominceranno ad usufruire dei servizi del portale, il costo del dominio, del servizio di hosting e della piattaforma per la gestione del sito e del servizio di statistiche real time sarà sotto i 25 euro mensili (per un tempo minimo di 12 mesi) mentre per l'uso della piattaforma di e-commerce serviranno 67,5 euro a trimestre.