Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




Le imprese italiane di piccole e medie dimensioni vivono in un contesto globale, con fornitori, clienti, partner che ricercano sempre più informazioni, soprattutto attraverso Internet. Per questo motivo è fondamentale una buona immagine online.

Le regole elementari da seguire per promuovere la propria presenza online sono in primo luogo un sito di presentazione chiaro e di servizio cioè che oltre a informazioni offra pre-vendita (configurazione prodotti, possibilità di fare preventivi, ricerca dei negozi) e post-vendita (assistenza, informazioni, customer care).
Circa l'80% delle Pmi italiane con addetti compresi tra 10 e 500 utilizza un sito istituzionale o di servizio, ma spesso si tratta di semplice trasposizione di brochure aziendale, senza aggiornamento e senza servizi a valore per gli utenti. Mettere un sito su Internet e non promuoverlo è come aprire un negozio in un sottoscala in una zona disabitata invece che in una trafficata via del centro città. È necessaria un'attenta campagna promozionale online su google e sulle community correlate.

Importante comprendere cosa i clienti pensano dell'azienda anche in considerazione del fatto che i clienti vogliono partecipare, sempre di più, anche nella definizione dei prodotti/servizi.

Secondo l'Osservatorio multicanalità promosso da Nielsen, Nielsen Online, Connexia e School of Management del Politecnico di Milano il 54% dei consumatori intervistati (campione 7mila) vorrebbe essere attivamente coinvolto nel processo di creazione del prodotto mentre quasi un consumatore su 2 si attiva per segnalare alle aziende le proprie considerazioni circa i prodotti che acquista.
Generalmente le Pmi italiane sono ancora indietro, tranne alcuni casi di imprese con un mercato fortemente consumer cioè con necessità specifiche di promuovere il proprio brand. Mentre i consumatori sono sempre più consapevoli dell'efficacia di questi strumenti.