Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




Cattivi pagatori - Centrali rischi private, credito al consumo, segnalazione negativa, preventiva informazione.
L'art. 125, co. 3 del testo unico bancario (TUB, d. lgs. 385/93), prevede che il finanziatore, qualora rilevi la morosità del consumatore, debba PREVENTIVAMENTE informarlo dell'evenienza prima di procedere alla segnalazione nei SIC (cc.dd. centrali rischi private, oggi Sistemi di Informazione Creditizia).
L'articolo in parola (introdotto nel TUB con d. lgs. n. 141/10) ribadisce e rafforza quanto già previstodal noto "Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti" (provv. Garante Privacy n. 8 del 16.11.2004). 
Pertanto, la società finanziaria, che abbia erogato credito in favore del consumatore, deve necessariamente preavvertirlo della segnalazione in SIC pena l'illegittimità della segnalazione ed il risarcimento dell'eventuale danno (documentato) causato al cliente.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

La CRIF è la Centrali Rischi Finanziari ed è una banca dati privata che scheda la posizione irregolare, ovvero debitoria, di migliaia di persone. All’elenco Crif sono iscritti tutti coloro che sono stati insolventi nei confronti di un istituto finanziario.


 

L’elenco Crif non è un archivio di cattivi pagatori poiché oltre il 95% dei soggetti censiti nel SIC hanno in realtà hanno rimborsato le rate di un prestito o di un mutuo, ma probabilmente lo hanno in una o più occasioni lo hanno fatto con ritardo. Soltanto una piccola minoranza effettivamente non ha pagato totalmente.


Le banche, nel momento in cui ricevono una richiesta di finanziamento o la richiesta di apertura di un conto corrente da parte di un cliente, controllano l’integrità finanziaria di quest’ultimo.

 

Nei casi in cui lo ritiene opportuno l’istituto di credito può, dopo aver interrogato la CRIF, decidere di rifiutare l’erogazione del prestito o del mutuo.


Ogni cittadino può avvalersi dell’articolo 13 della legge 675/96 e sapere se dati relativi alla sua persona sono conservati presso la Crif.
 

Nel caso in cui fosse presente nell’elenco della Centrale Rischi Finanziari e le rate invece sono state normalizzate, il cittadino può chiedere la cancellazione dalla crif.


 

Le centrali rischi private sono normalmente conosciute come credit bureau e sono più specificatamente dei Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC).


 

Crif è il gestore di un Sistema di Informazioni Creditizie chiamato EURISC. Le banche e le società finanziarie trasmettono dati completi con frequenza variabili. Le richieste di finanziamento vengono trasmesse quotidianamente mentre i finanziamenti effettivamente erogati vengono comunicati con cadenza mensile.