Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




La disonestà paga... solo le imposte
Un patteggiamento in sede penale alla base della ripresa a tassazione dei proventi illeciti


La sentenza penale pronunciata su richiesta delle parti ("patteggiamento", articolo 444 del Codice di procedura penale) può valere nel processo tributario come "prova provata" di un reddito imponibile esattamente definito.
Su tale base, la Commissione tributaria di primo grado di Trento ha giudicato corretto l'operato dell'ufficio locale che ha emesso un avviso di accertamento a carico di un agente assicurativo che aveva riscosso i premi mensili dei clienti e li aveva tenuti per sé: un ingiusto guadagno da tassare tra i "redditi diversi", ai sensi dell'articolo 14 della legge 537/1993.
La vicenda
"Durante autonoma attività di Polizia Tributaria, il Comando rilevava presso il Tribunale di Trento la sentenza n. 115 del 03/02/2003". Così scriveva la Gdf nel processo verbale di constatazione del settembre 2005. Con tale provvedimento, i finanzieri chiedevano all'ufficio locale delle Entrate di Trento di accertare una maggiore imposta a carico dello "sfortunato" ma furbo contribuente, già condannato per truffa e appropriazione indebita, e ora finito casualmente sotto la lente di ingrandimento del Fisco. Si trattava di un procacciatore d'affari che, agendo per conto di una nota compagnia assicurativa, s'era intascato i premi delle polizze dei clienti per un totale di 42mila euro circa. Questa somma, frutto di un reato penale, come avrebbe dovuto essere trattata sul piano fiscale? L'autore del reato avrebbe dovuto indossare il cappello di "onesto" contribuente al momento della compilazione del modello Unico e dichiarare il profitto, anche se conseguito in modo illecito? Ovviamente sì per l'agenzia delle Entrate, che si appellava all'articolo 14 della legge 537/1993, laddove, al comma 4, è stabilito che i proventi derivanti da fatti, atti e attività qualificabili come illecito civile, penale o amministrativo, se non già sottoposti a sequestro o confisca penale, devono rientrare nella categoria dei redditi diversi.
Il contribuente, tuttavia, contestava l'avviso di accertamento e portava la questione al giudizio della Commissione tributaria. Elemento a suo favore era una argomentazione non priva di coraggio: l'Amministrazione finanziaria non può ritenere accertata l'esistenza di un reddito corrispondente alle cifre indicate in un capo d'imputazione di una sentenza penale, dovendosi tener conto se quella sentenza è stata pronunciata su "richiesta della parte". Una sentenza derivante da patteggiamento non è di per sé in grado di fornire prova incontestabile e adeguata del tipo di responsabilità dell'imputato. E di più, una sentenza di patteggiamento non può fornire il quantum che costituirebbe l'ammontare di un presunto profitto. Questo l'arroccamento difensivo del contribuente. Il punto è: può l'ufficio delle Entrate considerare reddito imponibile, senza sconti e tale e quale, quella cifra che una sentenza di patteggiamento già quantifica come "ingiusto profitto", "illecito arricchimento" e simili?

La sentenza
"Il linea di fatto è pacifico che il ricorrente contribuente ebbe ad incassare somme versate da vari clienti…senza preventiva autorizzazione od accordo con l'Assicurazione…Secondo il contribuente dette somme non configurerebbero reddito non essendo mai entrate a far parte del suo patrimonio…L'argomento non può essere condiviso. In realtà, egli si procurò ingiusto profitto". Così ha decretato il giudice tributario di Trento, riconoscendo che il "reddito diverso" è esattamente pari alla cifra dell'indebita appropriazione confessata e condannata sul piano penale. Dunque, l'avviso di accertamento dell'ufficio delle Entrate e il pvc della Guardia di finanza, "facendo propri gli elementi di fatto desumibili dalla sentenza penale pronunciata su richiesta delle parti, hanno correttamente riconosciuto valenza probatoria al patteggiamento".
Il reddito imponibile su cui accertare le maggiori imposte ai fini Irpef e Irap è incrementato della somma esatta già definita, individuata e quantificata in sede penale.