Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




Il momento perfezionativo del negozio di mutuo

(contratto reale ad efficacia obbligatoria) coincide, di regola, con la cd. " traditio " - con la consegna, cioè, del denaro (o di altra cosa fungibile) al mutuatario che ne acquista la proprietà - ovvero con il conseguimento della disponibilità giuridica della "res" da parte di quest'ultimo, per effetto della creazione, da parte del mutuante, di un autonomo titolo di disponibilità, tale da determinare l'uscita della somma dal proprio patrimonio e l'acquisizione della medesima al patrimonio della controparte, a prescindere da ogni successiva manifestazione di volontà del mutuante. Cass. civ., Sez. V, 26/03/2002, n.4327. (Sottolineatura nostra). Come avrete notato, questi giudici sono nella nebbia più fitta, che si traduce in un concentrato di errori francamente sconsolante. Essi correttamente riconoscono il principio dell’art. 1813 c.c., ossia che il mutuo viene in essere, si perfeziona, con la consegna (traditio) della cosa o del denaro. Ma poi suppongono che vi realmente esista una “res”, ossia la cosa, il denaro contante, che costituisca l’oggetto del preteso mutuo – mentre sappiamo che questo denaro non esiste, non esiste in assoluto e non esiste nel patrimonio della banca. Indi suppongono che la banca crei un autonomo titolo di disponibilità di questa (inesistente) res, ossia del contante, e che esso produca “l’uscita della somma dal proprio [della banca] patrimonio e l’acquisizione della medesima al patrimonio della controparte” – mentre non esiste e non viene in essere alcuna somma, e niente esce dal patrimonio della banca. Il potere d’acquisto (non il denaro) viene raccolto (a spese della società) dalla banca con l’atto stesso di trasferirlo. Non preesiste nel patrimonio della banca. La sua raccolta avviene a spese della società e per effetto della domanda e della garanzia presentate dal cliente. Superati i predetti errori, i giudici della V Sezione, avrebbero dovuto decidere diversamente.

 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Ci sono vari sistemi per non pagare più un mutuo. Uno, ad esempio, è trascinare la banca in tribunale chiedendo di fornire la prova del loro credito - il TITOLO. Poiché le banche non possono fornirlo, perché l'hanno già venduto, non possono dimostrare la titolarità del credito per DIFETTO DI LEGGITTIMAZIONE ATTIVA. Quindi, si smette di pagare il mutuo tenendo l'immobile.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Se sei proprietario di un immobile ad uso residenziale non gravato da ipoteca, il Mutuo Liquidità è la soluzione che ti permette di ottenere un finanziamento (liquidità) fino ad un massimo dell'80% del valore attuale dell'immobile.

Potrai liberamente utilizzarlo, per la realizzazione dei propri desideri e progetti.

Il Mutuo Liquidità  è la soluzione migliore, in termini di competitività dei tassi, per importi di un certo rilievo.

Il tasso può essere fisso o variabile, con durate fino a 30 anni.