Financial Polis

  Expand All  |  Contact All

 




Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di progetti d’investimento produttivo complessi e costosi.

Si tratta di un metodo di finanziamento che prescinde dalle garanzie patrimoniali che i promotori possono rilasciare a favore dei finanziatori.

Le risorse finanziarie sia di debito che di rischio, sono erogate valutando la capacità delle iniziative di creare valore generando nel tempo flussi di cassa sufficienti a ripagare il debito contratto per il finanziamento ed a remunerare adeguatamente il capitale di rischio degli investitori.

Infatti, la principale garanzia per il rimborso dei finanziamenti è rappresentata dai flussi di cassa del progetto, che si devono manifestare con adeguati livelli di certezza, e da una efficace gestione dei rischi legati all’iniziativa, che permette di limitare la possibilità che i flussi di cassa previsti vengano meno.

La valutazione di sostenibilità economico/finanziaria della singola iniziativa si basa esclusivamente sulla qualità, intesa come capacità di generare flussi di cassa a fronte di determinato livello di rischio) del singolo progetto e non sul merito creditizio dei singoli azionisti.

Il progetto viene valutato dai finanziatori principalmente (ma non esclusivamente) per la sua capacità di generare flussi di cassa. I flussi di cassa, connessi alla gestione del progetto, costituiscono la fonte primaria per il rimborso del debito e per al remunerazione del capitale di rischio.

Proprio per isolare il finanziamento dei progetti da fabbisogni rivenienti da altre attività dei soggetti coinvolti, vengono costituite società “ad hoc”, definite Special Purpose Vehicle (SPV) che hanno come obiettivo esclusivo quello di realizzare e gestire i progetti medesimi.

In quest’ottica la fase di gestione rappresenta un elemento di primaria importanza, al pari di quella della realizzazione degli investimenti, in quanto soltanto una gestione efficace e qualitativamente elevata consente di generare flussi di cassa necessari a soddisfare banche ed azionisti.

A differenza delle altre procedure a disposizione delle Pubbliche Amministrazioni, nel Project Financing anche la fase di progettazione, normalmente affidata a queste, può essere demandata all’iniziativa privata. Tale coinvolgimento presuppone un’evoluzione della strategia di intervento pubblico sul territorio.

Gli Enti Locali, spinti anche dalle positive esperienze internazionali, devono maturare la convinzione che alcune attività tradizionalmente di loro competenza possono essere esercitate più efficacemente con il coinvolgimento anche dei privati. La Pubblica Amministrazione da gestore ed erogatore dei servizi può assumere il ruolo fondamentale di regolatore e garante della qualità degli stessi.

Oggi, in seguito a numerosi chiarimenti dell’Autorità sui Lavori Pubblici e soprattutto grazie alle modifiche apportate dalla Legge n. 166 del 2002, il Project Financing sembra essere pronto per un più ampio utilizzo anche da parte degli Enti Locali di piccole dimensioni.

 

 

Le fasi del Project Financing

      

La realizzazione di un'operazione di Project Financing può essere generalmente disaggregata in tre specifiche fasi:

1. Progettazione e costruzione: in questa fase i soggetti finanziatori mettono progressivamente a disposizione del progetto le risorse finanziarie necessarie alla sua realizzazione. Normalmente la maggior parte delle risorse finanziarie è messa a disposizione da pool di banche finanziatrici attraverso appositi contratti di finanziamento nei quali sono previste rigorose procedure che di volta in volta consentono l'erogazione di singole tranche del finanziamento;
2. Start-up: in questa fase si verifica se il progetto è stato realizzato secondo i tempi e le modalità previste. Vngono, pertanto, attivati un serie di test volti, in particolare, a verificare la capacità del progetto di funzionare secondo le modalità previste nel contratto di costruzione e, pertanto, di generare i flussi di cassa necessari a rimborsare i debiti contratti con i soggetti finanziatori. Qualora il progetto non esprima i livelli di performance attesi dovranno essere attivati tutta una serie di azioni volta a riportare il progetto nelle condizioni di erogazione di prestazioni previsti dal contratto di costruzione;
3. Gestione operativa: una volta completata la fase di start-up, il progetto inizia a generare i flussi di cassa necessari a rimborsare i finanziamenti. E' in questa fase che potrà essere realmente verificata la capacità del progetto di far fronte ai finanziamenti contratti per la sua realizzazione attraverso il flusso di cassa generato.

     

 

Gli Attori del Project Financing

 

La pluralità dei soggetti coinvolti nell’operazione comprende:

 

Sponsor – sono i proponenti del progetto, che organizzano e creano lo Special Purpose Vehicle (SPV), ad essi pertiene la negoziazione degli accordi che legano i diversi sponsor tra loro e la ricerca dei consulenti necessari all’operazione (advisor e arranger). Sono coinvolti nel progetto dalla sua prima impostazione allo start up, al servizio di garanzie collaterali ai finanziatori a valere sul progetto. Possono gestir direttamente ed efficacemente l’opera ed avere stretti rapporti con la società di costruzione;

Advisor – svolgono servizi di consulenza per la fattibilità del progetto (tecnica, economica, finanziaria, normativa, legale e fiscale, in base al profilo di rischio prescelto), redigono il business plan del progetto e verificano la congruità di quello redatto dagli Sponsor; determinano in questo modo il fabbisogno finanziario e le opportune modalità di copertura. Assistono, inoltre, gli Sponsor nella redazione dei contratti principali e forniscono l’information memorandum (il documento informativo degli aspetti finanziari del progetto);

Arranger – hanno il mandato di strutturare e gestire il contratto di finanziamento, per cui forniscono una garanzia di sottoscrizione (in toto o in quota parte), e di cui organizzano e negoziano i termini: forme tecniche, controparti e garanzie. Coordinano, inoltre, l’aggregazione dei finanziatori e gestiscono i rapporti con lo SPV (controllo degli stati avanzamento, attività di agenzia, monitoraggio dell’utilizzo dei fondi);

Special Purpose Vehicle – è la società cui fa capo il progetto (coincide con il progetto): è il titolare del diritto di proprietà, di superficie, di utilizzo dell’opera e di tutti i rapporti giuridici con terzi per la costruzione e la messa in esercizio del progetto; è comunque tutelata da interventi esterni che ne possono pregiudicare la gestione economica, finanziaria e giuridica. In termini operativi, tuttavia, la società “appalta” totalmente la gestione caratteristica (costi e rischi), restando nondimeno giuridicamente ed economicamente indipendente dagli Sponsor;

Gestore – gestisce materialmente l’output del progetto, provvedendo agli interventi di manutenzione nella fase operativa e garantendo gli standard contrattuali;

Fornitori – sono coloro che forniscono gli input per il funzionamento, in quanto collegati allo SPV da contratti di fornitura e trasporto; possono essere Sponsor del progetto;

Acquirenti/Clienti/Utenti - controparte alla quale lo SPV vende/cede la produzione realizzata. Clienti/utenti del bene/servizio, oppure imprese che rilevano l’intera produzione; possono essere Sponsor del progetto.

 

 

 

Conclusioni sul Project Financing

 

Il Project Financing è basato essenzialmente sulla possibilità di realizzare un’opera e di recuperare i capitali investiti (di debito e di rischio) attraverso i flussi di cassa generati dal progetto.

Il fulcro del Project Financing è costituito dalla elaborazione del piano economico – finanziario. Inoltre, la strutturazione di una operazione di Project Financing presuppone processi di negoziazione di contratti commerciali e finanziari volti all’allocazione dei rischi ottimali che permetta l’individuazione della “bancabilità”.

L’utilizzo del Project Financing non può essere una scelta incondizionata, ma deve dipendere da un’analisi dettagliata di tutti gli elementi che ne permettono il “montaggio”.

Infine, l’impiego del Project Financing da parte degli Enti Locali non deve essere legato semplicemente alla possibilità di limitare l’utilizzo di risorse finanziarie proprie, ma anche alla possibilità di trasferire certe tipologie di rischio dell’operatore.

 

La Consulenza Financial Polis nelle Operazioni di Project Financing

 

 

Attività di informazione e formazione

 

Attività preparatorie all’utilizzo del Project Financing. ItalConsult interviene su due livelli di attività:

Informazione e formazione, su tutti gli aspetti del Project Financing (normativa, tecnica, ecc.). Tale servizio è finalizzato ad illustrare anche mediante schemi operativi, tutte le fasi attraverso le quali si sviluppa una operazione di Project Financing ed include la predisposizione di un manuale operativo ad hoc disegnato appositamente sulle esigenze di ciascuna Pubblica Amministrazione;

Affiancamento all’attività di sollecitazione del mercato in relazione alla presentazione di proposte di intervento. Alla Pubblica Amministrazione viene fornita tutta l’assistenza necessaria a stimolare privati a presentare autonomamente proposte d’intervento, attraverso attività di comunicazione strategica di tipo istituzionale (comunicati stampa, avvisi pubblici esplorativi, incontri, rapporti con i media, ed altri).

 

Affiancamento alla valutazione preliminare delle opere pubbliche per verificarne la compatibilità con il Project Financing.

Valutazione preliminare finalizzata all’individuazione di opere pubbliche da realizzare tramite il ricorso a capitali privati

 

 

Affiancamento alla valutazione preliminare delle opere pubbliche per verificarne la compatibilità con il Project Financing.


Financial Polis fornisce il supporto tecnico e professionale per l’elaborazione di uno studio di fattibilità, ovvero del progetto preliminare.

 

 

Assistenza alla promozione dei piani triennali.


Financiaql Polis offre un servizio di consulenza nella presentazione e promozione del programma dei lavori pubblici, utilizzando le tecniche innovative impiegate dalle aziende nell’attività di pubbliche relazioni (rapporti con i media, ufficio stampa, road show, ecc).

 

 

Assistenza alla valutazione delle proposte di realizzazione presentate dai promotori ex art. 37 bis.


Financial Polis affiancherà la “Stazione Appaltante” fornendo un supporto tecnico finalizzato all’individuazione delle proposte che presentino tutti i requisiti tecnici ed economico finanziari previsti dalla normativa.

 

 

Assistenza nella procedura di indizione della gara


Financial Polis assiste il Comune nella fase di predisposizione delle procedure di gara e nell’indizione delle stesse affiancandolo nel processo di individuazione dell’aggiudicatario.